GLI ENIGMI ANALIZZATI DA UN PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO
g-home.jpg zona%20franca.jpg
Due anni fa abbiamo cominciato l'avventura di Enigmi e dopo 24 numeri siamo qui a festeggiare un anniversario importante, perché la permanenza in edicola è un traguardo rilevante in un momento così critico per l'editoria cartacea. Non ci siamo mai occupati di misteri “facili”, quelli cosiddetti “acchiappa pubblico”, ma privi di vero interesse per chi invece ama la ricerca e, invece, abbiamo percorso strade più complesse. Siamo qui, resistiamo in un mercato asfittico, con le nostre “analisi” non facili, diverse dal consueto e rimaniamo sempre pronti a confrontarci con un pubblico attento, a volte puntiglioso, ma capace di comprendere i sacrifici che compiamo per continuare a parlare di quelle cose di cui gli altri non parlano. Di recente ho avuto modo di pranzare con due amici che studiano i fenomeni paranormali (uno è uno scienziato/fisico e l'altro un autore/regista). Entrambi mi chiedevano perché continuavo questa lotta contro il mercato per presentare idee e teorie che spesso vengono solo mal giudicate dalle istituzioni e dai “dotti”. Per soldi? Non credo, visto che i magazine che dirigono si rivolgono ad una nicchia. Ci ho riflettuto molto. Perché ormai sono anni che fatico per tenere le fila dei progetti che voi- per fortuna- sostenete. Dopo anni travagliati, colmi di cambiamenti personali (perché le ricerche portano anche a diventare persone migliori e diverse) e sociali (è in atto la più grande delle “esplosioni” che gli uomini hanno generato sul pianeta Terra), penso che la salvezza dell'uomo (in senso personale che globale) risieda nella conoscenza e nella capacità di affinare la vista interiore. Non c'è futuro se non scopriamo quel che la cultura tradizionale non riesce, per mille ragioni, ad insegnare. Non ci sono verità in questo magazine, semmai domande e queste portano al piano superiore, dove ci sono altre domande superiori. Di queste abbiamo parlato nei primi due anni di vita di Enigmi e così continueremo a fare... ovviamente fin quando ci saranno persone attente come voi che ci sosterranno.

Dario Maria Gulli
Buona lettura

Scriveteci a officeallrightscompany@aol.com