GLI ENIGMI ANALIZZATI DA UN PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO
g-home.jpg zona%20franca.jpg
Quando si dirige un magazine come Enigmi si ha sempre di fronte l’amletico dubbio se cercare contenuti sensazionalistici o se invece confezionare un numero profondo e serio, al di là delle leggi che impone il mercato. Perché stupire è più facile che interessare. Sarebbe abbastanza semplice parlare di miracoli (le vendita in edicola di giornali con queste tematiche dimostrano che la gente cerca molto di più il titolone che il contenuto) o di misteri di cui si è scritto tutto (e di cui non ci sarebbe l’esigenza di aggiungere altro). Pensavo che questo mese fosse interessante parlare della bilocazione, delle profezie autoavverranti e di Wolf Messing, l’uomo studiato da Stalin, ma sapevo che questi sono temi di nicchia, non facili e forse di non grande presa per il vasto pubblico. Ma voglio pensare che i nostri lettori siano persone curiose e dalle ampie vedute. Pur odiando lo snobismo, crediamo che sia saggio continuare a svolgere un percorso serio di divulgazione delle tematiche “enigmatiche”, perché ci piace essere così e ci auguriamo che i nostri sforzi siano da voi apprezzati.
Dario Maria Gulli
Buona lettura.

Scriveteci a officeallrightscompany@aol.com